PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELL’ATTIVITA’ IMPRENDITORIALE: A CHI E’ RIVOLTO E QUALI SONO GLI EFFETTI

LAVORO NERO E/O VIOLAZIONI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA DEL LAVORO?  SOSPENSIONE DELL'ATTIVITA'…

Il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale ha lo scopo di contrastare e reprimere il lavoro sommerso ed assicurare una più efficace azione di prevenzione della salute e sicurezza dei lavoratori. Viene adottato dal personale ispettivo in tutti i casi in cui venga accertato, nell’unità produttiva ispezionata, l’impiego di personale in misura pari o superiore al 10% dei lavoratori presenti nel luogo di lavoro occupati, senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro, ovvero inquadrati come lavoratori autonomi occasionali in assenza delle condizioni richieste dalla normativa, o nel caso di gravi violazioni relative a tutela, salute e sicurezza sul lavoro.

Sotto il profilo soggettivo, chi sono i destinatari? Chi invece è escluso? Quali sono gli effetti del provvedimento?

Tra i provvedimenti adottati dal personale ispettivo, uno dei più coercitivi, ma allo stesso tempo più efficaci sotto il profilo prevenzionistico, è il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Soggetti assegnatari del potere di sospensione sono:

  • il personale ispettivo dell’INL (compresi i carabinieri del NIL), tanto nell’ipotesi di presenza di lavoratori irregolari quanto nell’ipotesi di gravi violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
  • il personale delle azinede sanitarie locali, limitatamente all’accertata presenza sui luoghi di lavoro di gravi violazioni in materia di igiene, salute e sicurezza;
  • il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, che ha competenza esclusiva e limitata alle violazioni in materia di prevenzione incendi.